Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Morbi eu nulla vehicula, sagittis tortor id, fermentum nunc. Donec gravida mi a condimentum rutrum. Praesent aliquet pellentesque nisi.
a
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit scelerisque.
Quisque feugiat mattis ornare. Suspendisse sit amet dictum felis. Nullam ac est id lacus, sed non mauris.

1-677-124-44227

184 Main Collins Street Victoria 807

vino@elated-themes.com

vino.elated-themes.com

    No posts were found.

Blog

Bonus Fiscale 2019 – Incentivi per gli amanti del verde

Anche per quest’anno La Legge di Bilancio 2019 ha confermato il Bonus Verde giardini, terrazzi e balconi.
Si tratta di una  detrazione fiscale, pari al 36%, per chi effettua spese entro i 5.000 euro per sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari di qualsiasi tipo: giardini, terrazzi, balconi anche condominiali, anche se con impianti di irrigazione e recupero del verde storico.

Gli interventi devono essere di natura straordinaria, fanno parte dell’agevolazione fiscale le opere che si inseriscono in un intervento relativo all’intero giardino o all’area interessata. In questo contesto è agevolabile anche la fornitura di piante e arbusti, anche in vasi mobili.

Esclusi dall’agevolazione gli immobili di nuova costruzione, uffici, negozi e magazzini. Escluse inoltre le spese per i lavori eseguiti in economia e quelle per la manutenzione ordinaria dei giardini, come la potatura delle siepi o la rasatura del prato. Non può essere agevolato neanche l’acquisto di vasi per il balcone.

L’ammontare della detrazione sarà suddivisa in 10 quote annuali, le spese sostenute devono essere tracciabili mediante:

  • il cd. bonifico parlante;
  • assegni;
  • bancomat;
  • carte di credito;
  • bonifici ordinari.

E’ importante sottolineare che la spesa fa riferimento all’unità immobiliare e non alla persona che la sostiene, cioè lo stesso soggetto può usufruirne per interventi su diversi immobili di proprietà e per ognuno detrarre fino all’importo massimo consentito dalla Legge, purché si tratti di «sistemazione a verde ex novo» o di «radicale rinnovamento».

Il Bonus verde spetta a privati e condomini che sostengono spese per:

  • sistemazione del verde: giardini, terrazzi, balconi anche condominiali;
  • recupero del verde di giardini di interesse storico.
  • fornitura di piante o arbusti;
  • riqualificazione di prati;
  • lavori e interventi per la trasformazione di un’area incolta in aiuole e piccoli prati

Tra le spese agevolabili con il bonus verde al 36% rientrano:

  • le spese per il rifacimento di impianti di irrigazione;
  • le spese per la sostituzione di una siepe;
  • le spese per le grandi potature;
  • spese per la fornitura di piante o arbusti;
  • spese di riqualificazione di prati;
  • spese per lavori e interventi per la trasformazione di un’area incolta in aiuole e piccoli prati

Per approfondimenti si rimanda al sito dell’Agenzia delle entrate.